ANCHE ONLINE !
+39 348 490 8170

Oltre il divano

Approfondimenti e novità dal mondo della psicologia

Consulenza psicologica online: come funziona e quando è utile

La consulenza psicologica online è indicata in tutte quelle situazioni in cui c’è un’oggettiva impossibilità per la persona di recarsi nello studio dello professionista, come impossibilità di spostarsi dal domicilio, problematiche di salute, permanenza all’estero, ecc.

In questi casi, il servizio online è lo stesso, con le dovute differenze di setting, di quello che si riceverebbe nello studio del professionista, soprattutto per quello che riguarda la qualità e la professionalità della prestazione.

La necessità di prestare la propria opera professionale tramite mezzi tecnologici si è resa particolarmente rilevante con l’attuale emergenza sanitaria, in cui siamo tenuti a limitare al massimo i nostri spostamenti, per la tutela della nostra salute e della salute pubblica.

L’emergenza sanitaria porta con sé anche un’emergenza psicologica: la paura del contagio, la quarantena, lo sconvolgimento dei ritmi e delle abitudini di vita, l’isolamento sociale e le convivenze forzate, la prolungata inattività o le routine lavorative stravolte e le problematiche economiche e sociali conseguenti portano ad elevati livelli di stress e disagio psicologico.

Il Presidente dell’Ordine Nazionale degli Psicologi (David Lazzari) riporta gli esiti degli studi sull’emergenza: quasi 1 italiano su 2 riferisce il “massimo livello di stress”. Gli studi cinesi ci dicono che il 48% delle persone sottoposte a quarantena manifestano un malessere psicologico più o meno accentuato, che tra il personale sanitario arriva al 70%

I dati disponibili ci parlano di un disagio crescente, non solo tra i milioni di cittadini che già avevano problematiche psicologiche, ma anche tra tutti coloro che vivono le difficoltà quotidiane legate all’emergenza. C’è poi la sofferenza di chi è stato colpito in prima persona dalla malattia, propria, di un familiare o di un amico caro, e di chi esposto in prima linea, come il personale sanitario.

Mentre la curva dei contagi tenderà a scendere, quella legata all’emergenza psicologica, purtroppo, avrà un andamento crescente e le vere conseguenze si vedranno proprio sul medio e lungo periodo, quando l’emergenza sanitaria sarà rientrata.

Per questo, tutte le autorità governative e sanitarie si raccomandano di non trascurare l’aspetto psicologico e i professionisti della salute mentale, su tutto il territorio nazionale, sono stati invitati a prestare la loro attività online (skype, whatsapp, ecc), in modo da essere da subito vicini a chi ne ha bisogno.

È assolutamente normale, in una condizione anormale come quella che stiamo vivendo, avere momenti di sconforto o panico, sentirsi ansiosi, tristi, preoccupati. Sono normali le alterazioni del sonno o dell’appetito, qualche tensione di troppo a casa e tutte le reazioni legate allo stress.

Se il disagio percepito diventa significativo, o se desiderate un aiuto per mantenere un buon livello di benessere, non esitate a contattare un professionista: prendersi cura di se stessi è il primo passo sia per ritrovare il proprio equilibrio, sia per essere di aiuto agli altri in un momento così difficile.

Anche se impossibilitati a recarsi a studio, è possibile ricevere un servizio di qualità, nel rispetto delle linee guida per le prestazioni psicologiche a distanza, della deontologia professionale e della privacy.

Per informazioni: contatti.

Leggi anche: Il Coronavirus e la nostra mente: le conseguenze psicologiche dell’emergenza sanitaria